martedì 26 aprile 2011

PASTIERA NAPOLETANA DI GRANO

Pasqua senza pastiera niente vale:
è 'a Vigilia senz' albero 'e Natale
è comm 'o Ferragosto senza sole


PASTA FROLLA
g. 600 farina 00, g. 210 strutto, g. 150 zucchero, 3 uova intere e 1 tuorlo, la buccia grattugiata di un arancio non trattato, 1 cucchiaino di lievito vanigliato, un pizzico di sale

RIPIENO

kg.1 di ricotta, g 600 di zucchero, 1 barattolo di grano cotto, 5 uova intere + 2 tuorli, g. 200 di cedro candito,1/2 cucchiaino di cannella, buccia grattugiata di un limone non trattato, 2 fialette di aroma per pastiera fior d' arancio, bacca di vaniglia, 2 cucchiai di liquore strega

Con questi ingredienti si fanno 2 pastiere in una tortiera conica bassa del diametro di cm.28
oppure 3 da cm 24

Si inizia il mercoledì santo a sera preparando la frolla e il grano cotto con tutti gli aromi, il giovedì santo si montano le uova con g. 300 di zucchero e la ricotta ben sgocciolata con i restanti g. 300 di zucchero, si unisce il cedro candito con il grano, per coloro che non amano sentire il grano nè i canditi questi possono essere frullati, si amalgamano tutti gli ingredienti in maniera graduale mescolando dal basso verso l'alto per non smontare le uova, si fodera la tortiera con la frolla, con i rebbi di una forchetta si praticano dei forellini su tuttto il fondo e si riempie con il ripieno da ultimo si formano le strisce e si inforna, a forno caldo statico, per 80 min. a 170° si fanno raffreddare perfettamente e si decorano con zucchero a velo


CHEST NUNN' E' NU DOLCE: E' NA' POESIA

LA RICETTA DEL RIPIENO ED IL PROCEIDMENTO SONO DEL MIO AMICO RAIA GENNARO